Angelo Sanzone, CEO e designer manager dello studio, si laurea al Politecnico di Milano nel 2003 presso la Facoltà di Disegno Industriale con una tesi di laurea Magistrale sulla luce nei luoghi di culto. Dopo 14 anni di esperienza come Lighting Designer fonda nel 2016 lo studio In Sensu per concentrare l’attenzione del suo lavoro a concepire oggetti che tengano conto della dinamicità dei comportamenti e dell’emozionalità che questi possano suscitare.

Dal 2002 al 2004 è Lighting Designer per Targetti Sankey Spa, tra i progetti di rilievo: l’illuminazione del Grattacielo Pirelli, l’UNA Hotel di Cerro Maggiore, le stazioni di Milano Lambrate e Udine, il primo Crowne Plaza Hotel in Cina (Tianjin).

Grazie alla specializzazione sulla luce per i luoghi di culti progetta l’illuminazione della Cattedrale di Noto nel 2005, la chiesa di San Giuseppe Artigiano in L’Aquila nel 2012, primo edificio ricostruito dopo il terremoto; la Cattedrale di Ragusa nel 2015, già patrimonio UNESCO.

Nel campo dell’arte nel 2009 cura l’allestimento illuminotecnico della mostra “COSTANTI DEL CLASSICO nell’arte del XX e XXI Secolo”, presso la Fondazione Puglisi Cosentino di Catania oltre all’illuminazione dello stesso Palazzo Valle.

Nel 2010 è Lighting Designer per il gruppo di lavoro coordinato dallo studio CandC di Venezia per il progetto concorso Museo dell’Ebraismo in Italia e dello Shoah di Ferrara.

Nel 2018, presenta la ricerca fenomenologica sulla luce dello SHOJI con un allestimento concettuale, in collaborazione con la designer Serena Favacchio. La ricerca sul colore, Composizione statica minima, focalizzata sulle variazioni cromatiche degli oggetti a livello percettivo è alla base del progetto di una Casa Vacanza ad Avola Antica dove i due designers decidono di decorare gli ambienti trattandoli come scatole di colore, texture ed elementi lineari con la funzione di arredo.

Il 20 ottobre 2018 la ricerca di In Sensu viene presentata ad un convegno sul design organizzato da ADI Sicilia presso La Biennale di Architettura di Venezia.

Nel 2019, lo studio inizia una collaborazione con Blanco Modica, esponente di punta nel settore dell’artigianato tessile dal 1990. I primi due prodotti disegnati da Sanzone e Favacchio sono Quinta e Primadonna, un separé ed una lampada che si ispirano formalmente allo stile Art Dèco. Gli oggetti vengono presentati presso gli spazi di Isola Design District, al Fuorisalone di Milano.

Oggi lo studio si occupa di Industrial Design, Lighting Design e colore.

Ph Fabio Mantovani
Ph Fabio Mantovani